Ultime Notizie
Home >> Sport e tempo libero >> Giro d’Italia 2017 – maglia rosa a Pöstlberger

Giro d’Italia 2017 – maglia rosa a Pöstlberger

E’ Lukas Pöstlberger il giovane austriaco di 25 anni ad aver raggiunto il traguardo della prima tappa del Giro d’Italia 2017. Per la terza volta la Sardegna è protagonista della partenza, dopo il 1991 e il 2007.

Giro d’Italia 2017 – La Sardegna si preparava da giorni per questa Grande Partenza del 100° Giro d’Italia. Il cielo, il mare, le strade, i balconi delle case ed anche i fiori della Macchia Mediterranea sono quasi tutti rosa, insomma la Sardegna in questi giorni si tinge del colore protagonista della gara. Ieri dopo le ore 12:00, il ministro dello sport Luca Lotti e il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru ad Alghero hanno dato il via. Il percorso sull’ isola prevede tre tappe in linea: la Alghero-Olbia di 203 km, la Olbia-Tortolì di 208 km e la Tortolì-Cagliari di 148 km.

giro d'Italia 2017Lasciata Alghero alle spalle, attraverso Castelsardo i ciclisti si sono immersi fra costa e Macchia Mediterranea in paesaggi mozzafiato, regalando immagini uniche agli spettatori che da casa seguivano la diretta.  Dopo aver passato Rena Majore, supportati oltre che dai tanti tifosi anche dai protagonisti della Marvel® (Un gruppo di tifosi posizionati nella zona di Rena Majore indossando i costumi dei famosi supereroi, Batman, Flash, Lanterna Verde, Robin e anche Wolverine incoraggiavano la veloce salita) sono arrivati a Santa Teresa Gallura, per l’occasione tinta di rosa, dove ad aspettarli c’era una fra le più belle cittadine della Sardegna carica di entusiasmo oltre che di spettatori. Si continua poi verso Palau, dove il vento ha dato da fare ai partecipanti. Il primo giorno del Giro d’Italia 2017 prosegue attraverso l’arcipelago di La Maddalena, lungo la Costa Smeralda, direzione Olbia.

E’ Lukas Pöstlberger (corre per il team Bora) il primo a tagliare il traguardo della prima tappa del Giro d’Italia 2017, una sorpresa per tutti compreso lui. Mentre si avvicina al trionfo determinato e combattivo, a un chilometro e mezzo dal traguardo si ritrova la maglia rosa in mano. Simpaticamente ha dichiarato di essere incredulo, ma estremamente felice.

giro d'Italia 2017 sardegna

Il percorso di quest’anno sarà particolarmente difficile, con salite impegnative e tappe che attraverseranno luoghi importanti per l’Italia e per la storia del Giro d’Italia 2017. Sono presenti nella competizione N°100 cinque tappe di alta montagna. Fra le salite più difficili ci saranno il Blockhaus in Abruzzo, e poi Stelvio, Mortirolo, Tonale, Passo Pordoi, Passo Gardena e Monte Grappa.

Sono 22 le squadre partecipanti al Giro d’Italia 2017, con un totale di 197 ciclisti. Dati per favoriti per l’edizione N°100 sono l’italiano Vincenzo Nibali, vincitore del Giro d’Italia 2016 e 2013 che corre con il team Bahrain-Merida, e il colombiano Nairo Quintana, vincitore del Giro nel 2014 che corre con il team Movistar.

giro d'Italia 2017 lukas postlbergerLa maglia rosa resta il simbolo della vittoria al Giro d’Italia, ma nonostante questo ci sono stati ciclisti che hanno vinto la corsa senza mai aver avuto l’onore di indossarla. Fino al 1931, infatti, non esisteva alcun simbolo di riconoscimento per il capo-classifica. Il Giro d’Italia fin da allora era organizzato da La Gazzetta dello Sport: Armando Cougnet (giornalista e patron organizzatore del primo Giro d’Italia) fu colui che introdusse la “maglia rosa”, simbolo della gara, utilizzando appunto il colore rosa, riferito all’originale colore delle pagine del giornale.
A vestire la prima maglia rosa, il 10 maggio 1931 fu Learco Guerra, vincitore della prima tappa del 19° Giro d’Italia, Milano-Mantova in 206 chilometri. Il ciclista che ha vestito più volte la maglia rosa è Eddy Merckx e per lui ci sono stati 78 giorni da leader della classifica.

Questa è la competizione N°100, grande traguardo per una competizione seguitissima, oltre che per la parte sportiva, sicuramente per i paesaggi mozzafiato e le immagini che vengono regalate agli spettatori, dando all’Italia una vetrina unica in fatto di eccellenza.

Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Su Fabio Serra

Tutte le grandi idee sembrano sbagliate ad un fallito. È sempre un'ottima idea testare le proprie idee su di un fallito per assicurarsi che non gli piacciano.

Potrebbe interessarti anche

royal rumble

Royal Rumble 2016, com’è andata?

La WWE ha capito. La WWE ha finalmente capito, ora più che mai, che è necessario costruire quanti più nomi possibile. Questo PPV, Royal Rumble 2016, può essere visto come un momento di svolta davvero importante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *