Ultime Notizie
Home >> Cucina >> Cucinare col sole

Cucinare col sole

Benvenuti in questa nuova rubrica! Io sono Arianna e amo profondamente la natura: vivo della gioia che sanno darmi un frutto che matura, un fiore che sta per sbocciare, un tramonto fantastico, l’azzurro del cielo…il sole.

Ho detto proprio SOLE non a caso. Senza il sole sarei spenta: è impagabile la sensazione di calore quando fa capolino nei lunghi e freddi periodo invernali e lo vivo come una benedizione! Da quando, per lavoro, ho cominciato a usare Twitter ho incrociato numerose vite parallele che ci scorrono accanto e che altrimenti toccheremo con difficoltà, o forse mai. Proprio grazie a Twitter mi sono affacciata alla realtà della cucina solare o solarcooking,forno - Copia Conoscendo Alexander, mio conterraneo e adesso amico, che mia ha fatto incuriosire e conoscere le meraviglie del Forno Solare! Sole: fonte infinita di energia, che può essere veicolata e canalizzata per deliziarci il palato! Amo la natura e amo la cucina…insomma, solo un forno solare poteva coniugare tutto questo! Eccomi adesso, ho il mio forno solare, ho iniziato a cucinarci e alcune cose e mi sono venute proprio bene! Un’esperienza forse non troppo comune che ho deciso di condividere con tutti voi, con la speranza di veder diffuso il rispetto per l’ambiente , la passione per la cucina e un pizzico di scienza nelle tavole di tante persone!

Questa sarà una rubrica di ricette cucinate in modo alternativo! Tratterà una cucina semplice, genuina ed ecologica e, mi piacerebbe moltissimo, anche di condivisione con le vostre esperienze a riguardo! Col forno solare si può cucinare tutto l’anno, sole permettendo, e qualsiasi cosa abbia bisogno di cottura! Quindi partiamo ora e spero di vedervi presto cucinare col sole!

 

No votes yet.
Please wait...

Su Arianna Franceschi

La Felicità è nella Semplicità

Potrebbe interessarti anche

raro wild mirto

RARO Wild MIRTO un’eccellenza made in Sardinia

Quando un locale si pregia di giudizi come eccellente piuttosto che …. di qualità, allora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *