Ultime Notizie
Home >> Sport e tempo libero >> Fotografia >> Manuali di fotografia >> Luce: ciò che conta più di tutto in fotografia.
luce

Luce: ciò che conta più di tutto in fotografia.

“La luce è per il fotografo l’elemento primo ed indispensabile per produrre un immagine. E’ la luce che ci permette di vedere gli oggetti, di dargli una forma e soprattutto il colore. E’ la luce che crea le atmosfere, caratterizza i luoghi, da sensazioni.” (Maurizio Chelucci)

La luce è l’elemento necessario affinché l’immagine possa effettivamente rappresentare gli intenti del fotografo. Passiamo adesso ad analizzarla secondo il tipo e la posizione.

Si distingue sostanzialmente tra due tipi:
la luce naturale che è quella del sole, si può disporre di essa a costo zero ma è difficile da gestire varia continuamente di inclinazione, intensità e colore. A seconda dell’ora, del mese o della zona geografica restituisce diversi effetti cromatici. Poi c’è la luce artificiale che è il tipo di illuminazione che viene dalle lampade o da altre fonti create dall’uomo. Inoltre la luce in base alla sua intensità può anche essere:
*spot: illuminazione intensa e concentrata, che permette di illuminare zone ristrette del soggetto, creando così forti contrasti.
*diffusa: aiuta ad avere forme e volumi messi meglio in evidenza con ombre più morbide e colori meno forti e accentuati. In altre parole diminuisce il contrasto generale dell’immagine, eliminando parte dei difetti delle superfici illuminate.

La posizione della luce rispetto al soggetto e alla fotocamera è fondamentalmente di tre tipi: frontale, radente e posteriore.
La luce frontale è quella che proviene dalle spalle del fotografo ed è quindi posta di fronte al soggetto che vogliamo riprendere. E’ un tipo di illuminazione che crea un appiattimento generale dell’immagine, perché elimina il gioco delle luci e delle ombre, occorre inoltre stare molto attenti agli effetti che possono crearsi con materiali lucidi o riflettenti.
La luce radente (o laterale) è un tipo di illuminazione “modellante”: produce ombra e mette in evidenza la “trama” del soggetto, fa risaltare le sporgenze che ne delineano meglio le forme, permettendo così di avere più informazioni.
La luce posteriore (o controluce) è la luce che illumina il soggetto da dietro e frontalmente rispetto alla macchina fotografica. Probabilmente è il tipo di illuminazione più difficile da usare, ma anche quella più creativa e particolare.

L’illuminazione può far variare il senso della foto, poiché dalla luce dipende come percepiamo la forma è il volume degli oggetti. Modificando l’illuminazione possiamo dare un tono più o meno drammatico a una foto, esaltare o nascondere determinati dettagli.
La luce a seconda della fonte, ha una temperatura più calda o più fredda. Ciò viene misurato in gradi Kelvin, di seguito uno schema:

schema gradi kelvin

 
Alcune indicazioni sul colore in base alla fonte di luce:
-Illuminazione domestica (tungsteno): 2500°K ossia una luce calda.
-Luce solare / flash: 5500°K quindi una luce bianca neutra.
-Cielo nuvoloso: 7000°K cioè una luce leggermente fredda.
-Lampada fluorescente: 8000°K ossia una luce fredda.

Con questi accorgimenti spero di avervi chiarito un pò le idee sulla questione “luce”.

Buona Luce da noi di in3click.tv.

No votes yet.
Please wait...

Su Redazione

Potrebbe interessarti anche

stelle

Stelle: Obiettivo rivolto al cielo

Prima di uscire così allo sbaraglio, assicuratevi che non ci sia la luna e controllate il meteo assicurandovi che non piova o che non ci siano nuvole ad oscurare le stelle, trovatevi un posto alla larga da ogni fonte luminosa: anche un palo della luce posto a 200 metri da voi può rovinare la vostra foto con un bagliore arancione. Specialmente chi abita in città dovrà fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *