Ultime Notizie
Home >> Ricetta >> Malloreddus, o anche Gnocchetti Sardi

Malloreddus, o anche Gnocchetti Sardi

ricette in3click

Malloreddus, definiti anche gnocchetti sardi, sono senz’altro la più classica delle paste sarde. Hanno la forma di conchiglie rigate lunghe da circa 2 cm in su, e son fatti di farina di semola e acqua. Si mangiano con varie salse.

Da sempre i malloreddus sono stati il piatto tradizionale più preparato in Sardegna  in tutte le occasioni più importanti, sia nelle feste e nelle sagre paesane, sia durante i matrimoni.

Stampa la Ricetta
Maloreddus
Piatto Primi
La Cucina Italiana
Tempo di preparazione 7 minuti
Tempo Passivo 10 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
  • 500 gr semola fine
  • 1 bustina zafferano
  • 250 gr acqua tiepida
  • 1 cucchiaino Sale
Piatto Primi
La Cucina Italiana
Tempo di preparazione 7 minuti
Tempo Passivo 10 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
  • 500 gr semola fine
  • 1 bustina zafferano
  • 250 gr acqua tiepida
  • 1 cucchiaino Sale
Istruzioni
  1. Inserire ne boccale 300 gr di semola, 1/2 cucchiaino di sale e 150 gr di acqua
  2. Impastare 1 minuto vel 5 e 3 minuti vel spiga
  3. Togliere l'impasto, avvogerlo in un canovaccio e lasciarlo riposare
  4. Nel frattempo inserire nel boccale a restante semola, il 1/2 cucchiaino di sale, zafferano e la restante acqua 1 minuto vel 5 e 2 minuti vel spiga
  5. Con gli impasti ottenuti fare tanti bastoncini più sottili di una matita , tagliarli a tocchetti piccoli come un fagiolo e schiacciarli con il pollice
  6. Passarli su un setaccio in modo che si arrotolino assumendo la tipica forma rigata all'esterno
  7. Disporli su un canovaccio e lasciarli asciugare un poco
Recipe Notes
  • Gli impasti devono risultare omogenei e piuttosto sodi
  • Possono essere conservati per lungo tempo se vengono lasciati seccare all'aria
No votes yet.
Please wait...

Su Noemi Sitzia

“Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione. Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro.” [cit.]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *