Ultime Notizie
Home >> Sport e tempo libero >> Fotografia >> Manuali di fotografia >> Posa B o posa Bulb: cos’è e come si usa.
posa b

Posa B o posa Bulb: cos’è e come si usa.

Per Posa B o Posa Bulb si intende l’uso di un tempo di esposizione fotografico personalizzato, superiore ai tempi disponibili manualmente, mediante specifica impostazione nella macchina fotografica sia analogica che digitale.

La posa B o posa Bulb prende il suo nome dall’inglese “bulb” (bulbo) in riferimento al bulbo dello scatto pneumatico usato agli albori della fotografia.

Come funziona
La posa B consente di mantenere aperto l’otturatore della fotocamera per tutto il tempo stabilito dal fotografo, quindi anche per tempi superiori ai 30 secondi normalmente selezionabili con la fotocamera. Quando si imposta la posa B, l’otturatore rimane aperto dal momento in cui si preme il pulsante di scatto al momento in cui lo si rilascia si consiglia l’ausilio di uno Scatto Flessibile o di un telecomando wireless e si raccomanda l’utilizzo del treppiede.

posa b scieCome attivarla
Normalmente tale impostazione è disponibile solo nelle macchine reflex, per attivarla basta ruotare la ghiera in cima alla macchina fotografica. In alcuni modelli entry-level e in alcune mirrorless e bridge la posa B potrebbe essere selezionabile solo dal menu.

Utilizzo
corretta esposizioneLa posa B è molto utile in campo astronomico, fotografia notturna o nella ripresa di soggetti davvero poco luminosi, in quanto è possibile ottenere tempi di esposizione anche di diverse ore, permettendo quindi alla pellicola (o al sensore, in caso di fotocamere digitali) di impressionare più luce.
In questo modo si ottengono dei dettagli nella foto altrimenti impossibili da vedere con normali tempi di esposizione o pellicole a bassa sensibilità.
A volte la posa B può essere usata per rendere il senso del movimento del nostro soggetto, specialmente in contrapposizione ad elementi statici presenti nel fotogramma. Un caso tipico è quello delle scie prodotte dalle automobili di notte, un esempio la foto qua a fianco.
Le applicazioni che si possono fare della posa B sono notevoli e sono limitate solo dalla nostra fantasia.

Quando si usa la posa B il sensore, a causa della lunga esposizione, si riscalda, e ciò provoca l’aumento di rumore digitale (la comparsa di tanti puntini rossi, blu e verdi) anche se stiamo usando una bassa sensibilità. Per evitare questo problema le fotocamere digitali hanno una funzione di riduzione rumore. Se scattate una fotografia della durata di molti secondi o minuti, non appena termina l’esposizione la fotocamera scatta un altro fotogramma, ad otturatore chiuso, utilizzando il medesimo tempo di esposizione che avete usato per la foto, questo è il cosiddetto: dark frame, che contiene quindi solo il rumore.
Il dark frame ottenuto ad otturatore chiuso nelle medesime condizioni di temperatura esterna, conterrà pressappoco lo stesso rumore digitale della fotografia appena scattata. Il software della fotocamera andrà poi a sottrarre il rumore dalla vostra fotografia utilizzando il dark frame per individuare e correggere i puntini spuri.
E’ importante conoscere questo aspetto perché i forum di fotografia sono letteralmente invasi da persone preoccupate perché pensano che lo loro fotocamera sia guasta a causa di questo che è invece un procedimento normale.

Spero di avervi schiarito un po’ le idee.
Buona luce da in3click.tv

Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Su Redazione

Potrebbe interessarti anche

aurora polare

Aurora Polare: Come fotografarla?

L’aurora polare, che prende il nome di aurora boreale nell’emisfero nord e aurora australe nell’emisfero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *