Ultime Notizie
Home >> Sport e tempo libero >> Fotografia >> Manuali di fotografia >> Messa a Fuoco nella fotografia digitale
messa a fuoco

Messa a Fuoco nella fotografia digitale

Cos’è la messa a fuoco? Si può spiegare così: è la regolazione di distanza tra le lenti dell’ottica e il sensore. Un soggetto è nitido solo quando tale distanza è corretta. La luce che entra nell’obiettivo è convogliata verso il sensore formando un cono, se il vortice di questo cono colpisce il piano del sensore, l’immagine è a fuoco, altrimenti no.

Esistono solitamente 4 tipi di messa a fuoco (per le reflex):
AF One Shot (Canon) o anche AF-S (Nikon): si preme a metà il pulsante di scatto per avere il soggetto correttamente messo a fuoco, è consigliabile usarla con soggetti fermi. È consigliato utilizzare il punto di messa a fuoco centrale in combinazione di questa modalità perché in genere è quello più preciso e anche più sensibile alla luce. Si può scattare solo se il soggetto è riconosciuto dalla macchina come a fuoco, ossia dopo aver sentito il “beep” della reflex oppure visto illuminare per qualche frazione di secondo i punti di messa a fuoco all’interno del mirino. La modalità One Shot è inoltre molto più performante in caso di scarsa luminosità ambientale rispetto alle altre.
AF continuo, AI Servo (Canon) o AF-C (Nikon): continua a calcolare e a mettere a fuoco finché si tiene premuto a mezza corsa il pulsante di scatto, da usare quando si fotografa un soggetto in movimento. La macchina potrà scattare in ogni caso, anche se il soggetto non risulterà correttamente a fuoco perché infatti, in alcuni casi, il sistema potrebbe sbagliare. Se a questa modalità si associa anche lo scatto continuo, si ha una buona probabilità di portarsi a casa una bella fotografia.
AF Intelligence, AI Focus (Canon) o AF-A (Nikon): la fotocamera decide automaticamente interpretando la scena e se usare la modalità AF-S o AF-C (a fuoco continuo).
AF Predittivo: da utilizzare con soggetti in movimento, la fotocamera corregge la messa a fuoco cercando di prevedere il punto di messa a fuoco futuro stimando lo spostamento del soggetto ne breve intervallo di tempo di scatto.
Manuale: per utilizzarla si deve disattivare l’autofocus e ruotare la ghiera dell’obiettivo fino a quando l’immagine non appare nitida.

Spero che questo articolo vi abbia chiarito un po’ le idee sulle diverse modalità di Messa a Fuoco…

Quindi..Buona Luce da in3click.tv

No votes yet.
Please wait...

Su Redazione

Potrebbe interessarti anche

stelle

Stelle: Obiettivo rivolto al cielo

Prima di uscire così allo sbaraglio, assicuratevi che non ci sia la luna e controllate il meteo assicurandovi che non piova o che non ci siano nuvole ad oscurare le stelle, trovatevi un posto alla larga da ogni fonte luminosa: anche un palo della luce posto a 200 metri da voi può rovinare la vostra foto con un bagliore arancione. Specialmente chi abita in città dovrà fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *